DA FENDI TRIONFANO LA FEMMINILITA’ E IL LOGO IN VISTA

La maison romana torna alle origini, con trench tempestati dal logo ed una femminilità inedita
di Chiara Caputo Sibilla

Ritorno alle origini in casa Fendi: Karl Lagerfeld e Silvia Venturini Fendi puntano ad una femminilità tradizionale, per la sfilata autunno/inverno 2018-’19 della maison romana: torna prepotentemente in auge il logo in vista, emblema del brand. Largo a trench in vinile tempestati dalla celebre doppia F, che decora ogni capo, dalla pelliccia intarsiata alle gonne.

Colori neutri e spalle squadrate, al limite del teatrale, caratterizzano una collezione iperfemminile ma austera: suggestioni mannish nelle silhouette vengono sapientemente smussate da un mood romantico, a partire dai colletti, che impreziosiscono mise dalle note working e sartoriali. Una donna manager in doppiopetto, quella che calca la passerella; quasi un’uniforme il colletto, come nelle camicie con iniziali e le gonne dai risvolti bon ton con inserti plissettati. Delicata e leggiadra femminilità anche negli abiti svolazzanti, che enfatizzano le silhouette. Una palette cromatica caratterizzata da nuance fredde, come il rosa.

Largo a tocchi fur come nelle cappe geometriche. Ma protagonista assoluto del défilé è il logo: Lagerfeld gioca sull’ironia, presentando l’inedita collaborazione con l’artista inglese Hey Reilly, a cui si deve l’inedita fusione tra i loghi di Fendi e Fila, in un tripudio di riferimenti sportswear. Romantiche le mise da sera, in tessuti fluidi e satin poetico, trionfo di principe di Galles, mentre ai piedi brillano gli stivali texani, must have della prossima stagione invernale.

2018-02-27T20:26:41+00:00

Leave A Comment